Plastica, alluminio e oli esausti non sono più rifiuti ma “materie prime riciclabili”. Anche a Palermo