di Mario Pintagro

2020
Presentato il progetto di chiusura dell’anello ferroviario di Palermo. Prevede la realizzazione di un binario di un chilometro e quattrocento metri con l’uso di una talpa meccanica. A lavori completati, per una spesa di cento milioni di euro, l’anello ferroviario disporrà delle fermate Turrisi Colonna, Politeama, Porto che si aggiungono a quelle già esistenti: Giachery, Fiera, Imperatore Federico, Notarbartolo.

2015 
Sotto l’albero di Natale Palermo trova quattro linee di tram che collegano Borgo Nuovo, Brancaccio e il Cep al centro. Il tram non era più attivo in città dal 1947. Adesso ci sono moderne vetture della Bombardier che attraversano la città. Il ministro Graziano del Rio è soddisfatto: “Prosegue in Italia la cura del ferro”.

2008
Alla presenza del ministro dei lavori Pubblici Antonio Di Pietro prendono il via i lavori del passante ferroviario di Palermo. I lavori, assegnati al consorzio Sis, prevedono il raddoppio di 27 chilometri dei 38 complessivi di linea ferrata da Brancaccio a Carini e l’eliminazione dei 22 passaggi a livello, per una spesa di un miliardo e 200 milioni di euro.

1999 
A Catania viene inaugurata la prima parte della metropolitana comprendente sei stazioni: Borgo, Giuffrida, Italia, Galatea, Stazione FS e Porto, per un totale di 3,8 km di cui due interrati e a doppio binario da Borgo a Galatea e 1,8 in superficie a binario unico, la tratta Galatea-Porto. È previsto il collegamento sino all’aeroporto di Fontanarossa.

1871 
Viene interamente realizzata la dorsale jonica, la linea ferroviaria che collega Messina a Siracusa. È lunga 182 chilometri e serve anche la città di Catania in rapido sviluppo. Sarà raddoppiata solo in alcuni tratti.

1863 
Il 28 aprile viene inaugurata la linea ferroviaria che collega Bagheria a Palermo. Ma gli imprenditori reclamano subito altre tratte. Sette anni dopo il sindaco di Catania, l’imprenditore zolfifero Francesco Tenerelli, lamenta ritardi nella realizzazione della ferrovia Catania-Palermo.