Vita e morte in una casa di ringhiera

Nuovo appuntamento con gli inquilini della Casa di ringhiera ognuno alle prese con… se stesso e con il proprio universo fatto di cattiveria, meschinità e qualche (raro) lampo di positività. Tutto ciò in un libro in cui Francesco Recami mescola sapientemente generi diversi, per costruire una commedia degli equivoci che prende in giro i luoghi comuni che tanto spazio trovano nei gialli. L’ex tappezziere Amedeo Consonni è stato ucciso nel corso di una sparatoria, ma non se ne sa il perché. Un processo sarà sufficiente a chiarirlo? Nel suo procedere la trama diventa un groviglio inestricabile, finché sarà un bambino a trovare il bandolo per riuscire a risalire la china della verità.

Francesco Recami

La verità su Amedeo Consonni

Sellerio

Se la camorra entra in casa

Amicizia, riscatto, insensatezza della criminalità: sono alcuni dei binari lungo cui corre il nuovo romanzo di Roberto Andò. Si tratta di un giallo ambientato in una Napoli misteriosa dove si incontrano un maestro di pianoforte e un bambino. Vicini di casa. Il secondo, figlio di un camorrista, cerca rifugio nell’abitazione del primo. È una coabitazione forzata, sul filo della paura, quella fra i due. Il bambino viene da un mondo criminale in cui non c’è occasione per dar luogo ai sentimenti. Il maestro è un uomo silenzioso e colto, cui toccherà l’educazione affettiva del piccolo. Un impegno dall’esito per nulla scontato, ma nel quale si getterà sfidando i nemici del bambino, in un crescendo di tensione sino a un finale dai risvolti imprevedibili.

Roberto Andò

Il bambino nascosto

La Nave di Teseo

 

Sul filo della memoria

è una storia di parole (scelte con estrema cura), di emozioni (anche dirompenti) e di passioni (che comunque rendono la vita significativa) quella che segna l’esordio  nel romanzo di Daniela Tornatore. Storie di vite che si intrecciano, che si allontanano e poi si ritrovano lungo percorsi di amori e di dolori… In un lungo filo di memoria che purtroppo talvolta si spezza. In ogni senso. Ed è allora che l’ultimo ricordo è quello cui disperatamente ci si prova ad aggrappare.

Daniela Tornatore

L’ultimo ricordo

Leima

 

Intrighi tra bosco e riviera

C’è un intrigo da risolvere: l’omicidio del proprietario di un “lapino”. A intestarsi la caccia alla soluzione del rebus è Iachìno Bavetta, un giornalista di satira che ha appena fondato la rivista “Ulapino” ispirato proprio al mezzo a tre ruote. Lo scenario è quello di una Palermo con i suoi odori tipici dei vicoli e del mare. Iachino poi si traferisce a Favignana per una pasta coi ricci e un nuovo caso da risolvere. Terza indagine… in un borgo di montagna in cui volano i grifoni e si produce una salsiccia speciale.

Dario La Rosa

Cous Cous Blues

Bookabook