Gabriele Mancino: “Berlino è fantastica ma stare lontano è dura. Non escludo di seguire il mio cuore e tornare in Sicilia”.

di Giuliana Imburgia

Da Palermo è andato via cinque anni fa seguendo le note della sua amata musica elettronica che l’ha portato ad atterrare a Berlino, dove adesso vive insieme alla sua compagna e alla sua cagnolina di nome Nina, che ha rappresentato per il suo padrone un’opportunità.

Nina’s Freunde, Dunckerstraße 86, 10437 Berlin: questo è l’indirizzo cui potete trovare Gabriele Mancino, trentottenne palermitano, che è l’incarnazione personale del detto “di necessità virtù”. Nonostante una laurea in Comunicazione e relazioni pubbliche e un master in General management, la Sicilia non ha saputo offrire a Gabriele un percorso lavorativo soddisfacente e stabile e lui, senza pensarci due volte, all’età di trentadue anni ha rimescolato le carte del mazzo e ha scelto di ripartire da se stesso come produttore di musica elettronica a Berlino.

È arrivato in Germania un po’ confuso: qui si è scontrato con una cultura molto diversa da quella siciliana e con la difficoltà della lingua tedesca, ma a dargli l’intuizione giusta per iniziare una nuova vita è stata la sua Nina, grazie alla quale Gabriele ha aperto anche una sala tolettatura per cani che nell’insegna porta proprio il nome della sua fidata cagnolina.

“In Sicilia ero stufo della solita dinamica del cercare lavoro e non trovarlo – dice Gabriele – o, peggio, del dovermi accontentare di qualcosa che non rispecchiasse le mie ambizioni. Ho scelto di mettere radici in Germania perché è una terra che accoglie a braccia aperte i ragazzi che arrivano con una valigia piena di buona volontà e tanti sogni da realizzare. Qui tutto mi è sembrato più semplice perché il limite tra il voler fare una cosa e farla concretamente è sottilissimo; ogni giorno solo aprendo la porta di casa è una catena di opportunità, c’è un fermento pazzesco e trasferendomi ho guadagnano la possibilità di scegliere per me stesso”.

Dopo aver percorso diverse tratte di andata e ritorno tra la Sicilia e la Germania, Gabriele si è poi trasferito definitivamente nel luglio del 2014 ma distanza di cinque anni dall’inizio della sua nuova vita a Berlino, dove si divide tra cani e musica, confessa che l’entusiasmo e la carica iniziale che gli hanno dato la spinta per salutare la Sicilia stanno cedendo il passo, anno dopo anno, alla malinconia e alla mancanza di casa. “Sono andato via da Palermo seguendo la mia musica, sono soddisfatto del mio percorso e delle mie scelte ma, ogni anno che passa, è sempre più dura stare lontano dalla mia terra e dagli affetti per cui, tra non molto tempo, non escludo di seguire il mio cuore e di tornare in Sicilia”.

foto