Itinerario alla scoperta delle tonnare della costa occidentale

di Mauro Fontana
disegno di Alessandra Micheletti

Tonnara di Bonagia
Valderice, Trapani
Nella Tonnara di Bonagia, che probabilmente esisteva già in epo- ca normanna, si legge ancora oggi in maniera chiara la tipologia a baglio, sul quale si affaccia anche la piccola chiesetta. Alla storia della tonnara va inoltre affiancata quella della seicentesca torre di avvistamento.

Tonnara di Favignana, Stabilimento Florio
Isola di Favignana, Trapani
Considerata una delle più grandi in tutto in Mediter- raneo, la tonnara di Favignana è datata 1640 e l’ultima mattanza avvenne nel 2007. Grazie a un importante intervento di restauro di circa due terzi della sua esten- sione di 32.000mq, la tonnara oggi ospita uno spazio museale espositivo.

Tonnara di San Giuliano, detta anche “di Punta Tipa”
Trapani
Considerata la più antica della Sicilia occidentale, la tonnara di San Giuliano ha funzionato insieme alla vicina tonnara di San Cusumano. Chiusa defi nel 1961, oggi si presenta come un rudere.

Tonnara di Nubia
Paceco, Trapani
Attiva dal XV secolo, oggi la tonnara di Nu- bia si trova all’interno del territorio della Riserva naturale orientata delle Saline di Trapani e Paceco.

Tonnara di San Cusumano, Stabilimento Castiglione
Trapani
L’impianto originario della Tonnara di San Cusumano presenta la tipologia tipica del “baglio”, ancora visibile. Oggi conserva parte delle sue funzioni originarie, poiché all’interno vi è collocata un’industria di trasformazione del pescato.

Tonnara di San Vito Lo Capo, detta anche “del Secco”
San Vito Lo Capo, Trapani
Nota anche come Tonnara del Secco poiché sorge in prossimità di una zona marina dal fondale basso, rimase attiva fino al 1965. Il complesso è formato da un cor- po principale a baglio e da alcune strutture separate che si affacciano verso il mare.

Tonnara dell’Orsa, detta anche “dell’Ursa”
Cinisi, Palermo
La tonnara, sorta a seguito di una concessione del 1344, fu provvista anche di una torre dalla Deputazione del Regno di Sicilia nel 1584. A seguito di un importante intervento di restauro, la tonnara ospita oggi all’interno un centro culturale, di intrattenimento e ristorazione.

Tonnara di Vergine Maria, detta anche “Bordonaro”
Palermo
Il complesso è situato lungo il cosiddetto “litorale dell’Ad- daura” e si inserisce nel paesaggio come un elemento chiuso e fortifi  Perse la sua funzione intorno al 1950 e durante le riprese del fi Il Gattopardo fu abitata dal regista Luchino Visconti.

Tonnara dell’Arenella, detta anche “Florio”
Palermo
Appartenuta alla famiglia Florio, la tonnara dell’Arenella è il frutto di diverse stratifii cui due più importanti sono stati commissionati all’architetto Carlo Giachery tra il 1884 e il 1852: l’edifi  denominato “i quattro pizzi” e il mulino a vento.

Tonnara di Scopello
Castellammare del Golfo, Trapani
Inserita all’interno di uno straordi- nario paesaggio caratterizzato dalla presenza di torri, montagne e fara- glioni, la Tonnara di Scopello è tra le più famose e visitate dell’isola durante il periodo estivo.

Tonnara di San Nicola L’Arena,Trabia
Trabia, Palermo
Si tratta probabilmente della più antica concessione regia, risalente al 1367. Il ca- stello, edifi nel XIV secolo, si sviluppò attorno alla torre di avvistamento di epoca normanna e deve il suo sviluppo al piccolo borgo marinaro adiacente. Fu abbandonata nel 1935 per scarso rendimento,

Tonnara di Torretta Granitola, detta anche “Tre fontane”
Campobello di Mazara, Trapani
Attiva dal sec. XVI fi al 1972, la tonnara di Torretta Granitola è stata una delle più grandi in Sicilia. Si presenta con uno skyline tipico di uno stabilimento industriale. Ospita attualmente i laboratori dell’Istituto per l’ambiente marino costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche.