Abbecedario perché forse il segreto sta tutto nella semplificazione, nel ridurre le presunte complessità all’eresia del buon senso. In Sicilia i problemi nascono non tanto nell’essere complicati, quando dal credersi complicati. E questo complica le cose. Anche le più semplici

di Roberto Alajmo

Corruzione
Storiella esemplare. Un amministratore del nord invita un suo collega eletto in Sicilia. Ammirato dallo splendore della villa, l’ospite meridionale gli chiede come faccia a permettersi un tenore di vita così alto. Il nordico gli risponde: 
– Vedi quell’autostrada laggiù?
– Sì.
– È costata 150 milioni di euro. L’impresa l’ha fatturata 155, e ha versato a me la differenza. 

Un anno dopo l’amministratore pubblico meridionale ricambia l’invito. E stavolta è il nordico a rimanere esterrefatto dal lusso smodato:
– Non capisco. L’anno scorso ti sei sorpreso per la ricchezza della mia casa. Ma la tua è cento volte più bella. Com’è possibile?
– Vedi quell’autostrada laggiù?
– No.
– Appunto.