Il bello è che la rete digitale si trasforma in una rete di persone, di produttori che hanno aderito al progetto

di Claudia Pessina

L’orto digitale – Catania
L’idea nasce quando, alla morte del padre, Carmelo eredita un agrumeto nella Valle del Simeto. Condotta dagli anni ‘60 con metodi con­venzionali, l’azienda faticava a sopravvivere. A salvarla il principio della filiera corta ma fondamentale l’opera di comunicazione svolta da Francesco, il “con­tadino digitale”, che consente di rifornire anche il Nord Italia di que­ste arance Tarocco speciali, colore rosso vivo, ricche di antocianine, grazie alle condizioni ambientali ai piedi dell’Etna. Il bello è che la rete digitale si trasforma in una rete di persone, di produttori che hanno aderito al progetto. Perciò nella cassetta puoi mettere anche limoni e avocado a chilometro zero.

Studio legale con culla – Palermo
Tappetini per la meditazione, casse bluetooth, culla e fasciatoio, cucinotto con tutto il necessario per scaldare un pasto e condividerlo con i colleghi, attenzione per le giovani collaboratrici che desiderano diventare mamme conservando i propri diritti di congedo e senza perdere il lavoro. Tutto questo in uno studio di giovani avvocati impegnati e di successo, non a Stoccolma, ma nel cuore di Palermo.

L’idea di Francesco Leone e di Simona Fell è quella di coniugare il senso di calore del sud con i servizi ai dipendenti delle grandi aziende internazionali. “In un posto dove stai tante ore è giusto sentirsi bene come a casa – os­serva Francesco -. Sarebbe giusto avere anche la palestra ma non ci sta per ora. Comunque almeno ci sono vasca e doccia per chi esce a esercitarsi durante la giornata”.

Coltivare fa bene – Palermo
Alle porte di Palermo non pensi davvero di trovare un’oasi. Oasi di natura e spirito, quella dell’associazione Colture, nata nel 2016 dall’impegno di Nancy Tasca e Daisy Fiorani che, perso il lavoro di ufficio, puntano su produzione, divulgazione e diffusione dell’a­gricoltura bioetica. Prodotti rigorosamente stagionali. Metodo di coltivazione biologico. Solo concimi naturali e acqua.

Puoi acquistare la cassetta di ortaggi, o decidere di associarti e prendere in affida­mento un lotto di terreno. Si usano solo piante riproducibili con recupero dei semi in via di estinzione e l’obiettivo è quello di creare una Banca dei semi. Il prossimo passo è creare il primo centro di orti-terapia nel palermitano, in cui promuovere benessere psicofisico e inclusione sociale anche di bam­bini disabili o autistici, gente con problemi di depressione o malati di Alzheimer.